FormazioneIn evidenzaLavoro

CONCLUSO IL PERCORSO GRATUITO DI FORMAZIONE CONTINUA AZIENDALE DGR 818/2020 “COLLEGA-MENTI: NUOVI SENTIERI PER LA CULTURA”

Si è concluso in data 30 Giugno 2022 il progetto gratuito di formazione continua aziendaleCollega-menti: nuovi sentieri per la culturacod.: 1042-0003-818-2020 realizzato nell’ambito della DGR 818/2020 “Laboratorio Veneto. Strumenti per il settore cultura”, approvato e cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo e dalla Regione Veneto con DDR Direzione Istruzione e Formazione n. 138 del 16/03/2021.

Il progetto, avviato in data 28 Aprile 2021 si è concluso in data 30 Giugno 2022 ed ha visto Isfid Prisma società cooperativa come ente capofila con il partenariato aziendale di Società Cooperativa Culture ed il partenariato di rete di Legacoop Veneto.

Complessivamente vi hanno preso parte 116 partecipanti, afferenti ai diversi servizi/musei veneti gestiti da Coopculture.

Obiettivo generale è stata la creazione di un’offerta culturale e turistica fruibile in presenza e da remoto tramite lo sviluppo di una piattaforma digitale che ne ha permesso l’erogazione garantendo alti standard qualitativi non solo nei contenuti, ma anche nell’esperienza digitale degli utenti.

Il progetto è stato quindi sviluppato utilizzando la formazione quale strumento di riqualificazione del personale didattico educativo ed addetto all’accoglienza di CoopCulture che, pur essendo altamente qualificato dal punto di vista culturale, manca spesso della formazione necessaria per poter “sostenere” e svolgere e da remoto una visita senza il riscontro visivo del gruppo e manca della presenza scenica che diviene necessaria dovendo relazionarsi con un pubblico distante.

In questo senso , il fattore strategico è stata la capacità di innovare, sperimentando nuovi linguaggi capaci di utilizzare la presenza online non come fine, ma come mezzo per integrare l’offerta e proporre esperienze di maggiore qualità e valore ai potenziali utenti e trasformare il processo di fruizione delle attività per creare contenuti, prodotti e servizi che generassero una nuova domanda, intercettando i fabbisogni di un mercato sempre più segmentato, caratterizzato da esigenze differenti e modalità di comunicazione diversificate, adottando anche programmazioni flessibili, capaci di adattarsi tempestivamente ai mutamenti del contesto di riferimento.

Al fine di raggiungere il più efficacemente possibile gli obiettivi previsti, il progetto è stato articolato in iniziative progettuali diverse ma integrate tra loro:

1) Le nuove applicazioni informatiche per i Beni Culturali della durata di 8 ore (9 edizioni previste) finalizzato a fornire ai partecipanti conoscenze specifiche sugli strumenti necessari per operare all’interno del settore ICT per i beni culturali, in particolare approfondendo gli aspetti di gestione delle nuove tecnologie digitali a supporto della fruizione e delle prenotazioni online

2) La gestione di piattaforme digitali per i servizi didattici museali della durata di 8 ore (9 edizioni previste) finalizzato ad implementare le digital skills nella gestione di piattaforme digitali per la didattica museale a distanza e nell’applicazione di metodologie di animazione online di tali ambienti virtuali

3) La gestione della didattica da remoto della durata di 8 ore (8 edizioni previste) finalizzato ad implementare le competenze professionali di erogazione di interventi didattici online

4) Il ruolo dell’operatore didattico negli ambienti di fruizione online della durata di 64 ore finalizzato a permettere referenti e coordinatori delle attività didattiche ed educative di Coopculture, di affrontare approfonditamente le tematiche della progettazione e fruizione di attività didattiche museali online

Scarica qui il video di storytelling conclusivo del progetto.

Il progetto, che rientra nell’ambito del POR 2014/2020 – Ob. “OB. “Investimenti in favore della crescita e dell’occupazione Asse I – Obiettivo tematico 8 – priorità d’investimento 8.v, è stato selezionato nel quadro del Programma Operativo cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo secondo quanto previsto dall’Autorità di Gestione, in attuazione dei criteri di valutazione approvati dal Comitato di Sorveglianza del Programma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.